Differenza tra zoom ottico e zoom digitale

IN BREVE

La differenza tra zoom ottico e digitale sta nel fatto che il primo avvicina il soggetto dell’immagine da riprendere utilizzando elementi ottici e meccanici per modificare la lunghezza focale mentre lo zoom digitale ingrandisce l’immagine utilizzando una funzione software. In media lo zoom ottico è preferibile per qualità allo zoom digitale che però risulta molto comodo essendo applicabile a dispositivi di qualsiasi dimensione.

Zoom ottico - Differenza tra zoom ottico e zoom digitale
Uno zoom ottico Pentax 16-50mm

Lo zoom ottico è così chiamato perché utilizza elementi ottici (lenti concave e convesse) e meccanici per svolgere la funzione di avvicinare il soggetto da riprendere modificando la lunghezza focale. La differenza tra la focale minima e la massima determina sia la dicitura (grandangolo o teleobiettivo) sia la capacità di magnificazione espressa in focale massima/focale minima (ad esempio un obiettivo zoom 50-250 può essere definito 4X).
All’inizio, quando furono proposti sul mercato non erano visti di buon occhio a causa delle immagini di scarsa qualità che producevano. Col tempo grazie al miglioramento della qualità costruttiva, all’evidente comodità che rappresentavano e alle nuove caratteristiche come lo stabilizzatore di immagini, sono diventati oggi gli elementi ottici più venduti, di gran lunga più delle ottiche fisse.

Zoom digitale - Differenza tra zoom ottico e zoom digitale
Un esempio di zoom digitale

Lo zoom digitale è una funzione presente su molti dispositivi elettronici dotati di una fotocamera digitale e sempre più spesso è abbinato allo zoom ottico. Questo tipo di zoom avvicina l’oggetto da fotografare senza utilizzare elementi meccanici o gruppi ottici ma sfruttando una funzione digitale. Il classico zoom digitale non fa altro che ingrandire l’immagine moltiplicando i pixel originali provando ad indovinare quelli intorno che gli mancano utilizzando algoritmi matematici. Per quanto possa essere utile non comportando un aumento di spessore dell’obiettivo, questa funzione peggiora la qualità dell’immagine all’aumentare dello zoom, rendendo la foto “sgranata” proprio perché i particolari sono creati e non reali.
Un altro sistema di zoom digitale più evoluto prevede l’utilizzo di un’immagine a grande risoluzione dalla quale il software ritaglia un’immagine con risoluzione più bassa ma di buona qualità, ammesso che non si abusi del ritaglio. Ad esempio un soggetto in un’immagine da 5 megapixel può essere ingrandito in un’immagine da 3 megapixel mantenendo un’ottima qualità. Questo sistema è più utilizzato sulle fotocamere digitali e su cellulari di buon livello.