Differenza tra terapia intensiva e rianimazione

Share

IN BREVE

Non c’è una vera differenza tra terapia intensiva e rianimazione in quanto sono entrambi termini che vengono comunemente utilizzati per indicare un reparto ospedaliero nel quale vengono seguiti con maggiore attenzione e con cure più “intense” quei pazienti che a causa di differenti situazioni possono essere a rischio vita.
Ai professionisti che si occupano della direzione del reparto di rianimazione e terapia intensiva è richiesta la specializzazione in anestesia e rianimazione.


La terapia intensiva è un reparto essenziale per la gestione di casi a rischio.

La terapia intensiva è un reparto essenziale nell’organizzazione di una struttura sanitaria.

Come dice il nome stesso, infatti, questo reparto ospedaliero offre cure intense a un limitato numero di pazienti con patologie serie o gravi i quali vengono costantemente monitorati sia per fornire cure continue sia per intervenire tempestivamente in caso di complicazioni.

Per garantire questo straordinario servizio, la terapia intensiva è strutturata in modo che ogni letto abbia a disposizione una serie di strumenti e attrezzature utili sia al mantenimento del paziente in una condizione stabile, sia per un pronto intervento.

All’interno del reparto di terapia intensiva i pazienti vengono seguiti da un team di medici e infermieri specializzati e formati per saper seguire alcuni casi con ritmi differenti rispetto ad altri reparti.

La complessità e le risorse spese per il mantenimento, la gestione e il personale della terapia intensiva limitano la capacità di questi reparti. Questo limite è stato alla base della grande emergenza sanitaria causata dalla pandemia del Nuovo Coronavirus nel 2020.

La rianimazione ha regole molto ferree per quanto riguarda le visite.

La rianimazione è quella branca della medicina che, come suggerisce il nome stesso, studia la gestione e il trattamento dei casi critici e a rischio vita.

Infatti con il termine rianimazione ci si riferisce anche, ma non solo, al reparto di terapia intensiva.

Ai professionisti che si occupano della direzione del reparto di rianimazione e terapia intensiva è richiesta la specializzazione in anestesia e rianimazione.

Inoltre in questi reparti l’accesso ai visitatori viene concesso in modo limitato e controllato per diminuire al massimo sia la confusione, sia la possibilità di complicazioni ai pazienti.

You may also like...