Differenza tra tagliare e affettare

IN BREVE

La differenza tra tagliare e affettare è una pura finezza e spesso questi due termini vengono utilizzati come sinonimi. In ambito culinario, però, hanno un preciso significato e quindi la differenza ha una certa importanza. Tagliare significa dividere qualcosa in diverse parti con un taglio netto che non lascia lacerazioni. Affettare significa tagliare con precisione un oggetto seguendo un ordine e delle dimensioni decise.

Tagliare - Differenza tra tagliare e affettare
“Ora, non dico di andare a casa e mettervi a tagliare la marmitta del vostro motorino…”. Chef Tony.

Il tagliare è un atto che prevede semplicemente il dividere un oggetto in diverse parti con uno strumento che permetta una divisione netta del materiale che non deve avere, quindi, lacerazioni o strappi. Essendo il un’azione decisamente comunque e applicabile a tantissime situazioni, ci sono una moltitudine di specifici modi di tagliare a seconda del materiale, dello strumento utilizzato, e dell’ambito di taglio.
Sicuramente molto importante e direttamente collegato all’altro termine preso qui in esame (affettare), è il tagliare in cucina e nella preparazione di piatti o alimenti. E’ infatti importante conoscere bene il tipo di alimento che si va a tagliare, la consistenza, la fibra, la ricetta e lo strumento che si utilizza.

Affettare - Differenza tra tagliare e affettare
Un limone affettato in sottilissime fette.

Affettare significa tagliare in modo ordinato seguendo un verso e mantenendo, solitamente, una distanza costante tra un taglio e l’altro o più semplicemente “fare a fette”. Per affettare in modo corretto in cucina sono stati creati decine di strumenti dedicati ad ogni tipo di alimento e addirittura di cultura.
Per affettare il prosciutto, ad esempio, ci sono coltelli apposta, con lama continua e molto affilati oppure delle affettatrici. Per affettare il pane, invece, il coltello è lungo e con dei denti studiati apposta per avere presa sulla mollica e sulla crosta.

E’ anche doveroso riportare che la differenza tra questi due termini è una pura finezza e spesso vengono tranquillamente utilizzati come sinonimi. Ad esempio “affettare il pane” e “tagliare il pane”.