Differenza tra separazione e divorzio

IN BREVE

Il divorzio è conseguente alla separazione. Quando si decidere di interrompere un matrimonio si deve, per leggere, dichiarare in tribunale la volontà di separarsi dal proprio coniuge, dopo un periodo di attesa variabile, si può procedere alla richiesta di domanda di divorzio.

Separzione - Differenza tra separazione e divorzio
La separazione consiste nella comunicazione al Tribunale in cui si esprime la volontà di separarsi.

La separazione consiste in una comunicazione presentata presso il Tribunale preposto in cui si dichiara la volontà di disgiungere la propria vita da quella dell’altro. Nella separazione si deve dimostrare l’effettiva separazione della vita quotidiana dei due coniugi. Nel caso in cui per motivi economici ai due coniugi non sia possibile avere due abitazioni indipendenti si può richiedere lo status di “separati in casa”.
La separazione può essere consensuale o giudiziale;  nel primo caso i tempi necessari alla richiesta di divorzio variano dai 7 ai 12 mesi, nel secondo caso si può arrivare anche a diversi anni, in base alla necessità di raggiungere degli accordi su beni o figli.

Divorzio - Differenza tra separazione e divorzio
Un’iranica immagine sul divorzio.

Trascorso questo tempo si deve comparire di fronte ad un Tribunale che una volta valutata la persistenza della volontà di interrompere il matrimonio permette di dare il via alle pratiche di divorzio definendone le condizioni (con addebito o senza).
Dalla presentazione della domanda di divorzio occorrono altri 3 anni di attesa prima di poter comparire di fronte al giudice che potrà dichiarare sciolto il legame tra i due individui.  Questo periodo di 3 anni può essere ulteriormente prolungato qualora il divorzio non fosse consensuale ma giudiziale.
Questi due periodi di attesa, anche in situazione di consensualità, vogliono “permettere” ai coniugi di ripensare alla situazione e alla decisione presa.