Differenza tra sentire e ascoltare

IN BREVE

L’atto dell’ascoltare implica la volontà di udire un suono o un rumore, prestandogli particolare attenzione, come avviene ad esempio quando si ascolta una canzone, la televisione o una persona che parla. Invece il termine sentire fa semplicemente riferimento al percepire involontariamente una sensazione, che può essere tattile, odorosa o uditiva, ma in quest’ultimo caso, senza prestargli attenzione.

Sentire - Differenza tra sentire e ascoltare
Le dita “sentono” la pressione.

Sentire è un termine generico, significa semplicemente percepire una sensazione con i sensi, un suono con le orecchie, oppure un odore per mezzo del naso, o ancora percepire una sensazione con il tatto; ad esempio sentire un rumore, un suono, un odore, la morbidezza di una stoffa. Se in particolare si fa riferimento alla sensazione uditiva, il “sentire” consiste semplicemente in un atto involontario, ma fisiologico dell’orecchio, senza necessariamente fare attenzione su quello che si sta sentendo, senza concentrarsi su quello che viene detto o sul suono/rumore che si sta udendo.
E’ importante notare che sentire è anche utilizzato per esprimere il provare sensazioni ed emozioni, situazione non esprimibile tramite l'”ascolto“.

Ascoltare - Differenza tra sentire e ascoltare
Una telefonata è un esempio di ascolto, da Flickr.com

Ascoltare vuole dire udire intenzionalmente un suono e prestargli attenzione: ad esempio ascoltare un discorso, soffermarsi ad ascoltare il sibilo del vento, ascoltare della musica. L’ascoltare implica qualcosa in più del semplice “sentire“, non si tratta di un semplice atto superficiale, significa usare anche il cervello, fare proprie le cose che una persona vuole dirci, cercando di capire il vero significato delle sue parole ed elaborare una risposta che sia coerente con quello che si è ascoltato. Dunque l’ascolto è un processo psicologico e fisico del nostro corpo per comunicare ai nostri neuroni, al cervello che li traduce in emozioni e nozioni. È l’arte dello stare a sentire attentamente, del prestare orecchio, come fa chi ascolta una lezione, un oratore, che ascolta con interesse tutto ciò che il professore dice.