Differenza tra rivoluzione americana e rivoluzione russa

IN BREVE

La rivoluzione americana avvenne per l’indipendenza delle colonie inglesi situate nell’America del nord, le quali dipendevano totalmente dall’Inghilterra e miravano invece all’autonomia politica e commerciale; tale situazione causò la cosiddetta guerra d’Indipendenza, che portò alla formazione degli Stati Uniti d’America. In Russia invece vigeva all’inizio del ‘900 il regime autocratico e assolutista dello zar Nicola II, il quale portò ad una rivoluzione popolare, formato specialmente da contadini ed operai, e alla caduta dello zarismo, con l’instaurazione dapprima di un governo provvisorio di tipo liberale ed in seguito costituzione di uno stato comunista con la presa del potere del partito bolscevico, capeggiato da Lenin.

Rivoluzione americana - Differenza tra rivoluzione americana e rivoluzione russa
Un dipinto che raffigura la dichiarazione d’indipendenza.

La rivoluzione americana, chiamata anche “Guerra d’indipendenza americana“, comprende una serie di conflitti che si scatenarono nella seconda metà del ‘700 tra l’Inghilterra e le sue 13 colonie nordamericane, situate sulla costa atlantica dell’America del Nord, a sud del Canada. Le cause scatenanti furono le dure imposizioni del governo inglese sulle sue colonie, soprattutto dal punto di vista commerciale e tributario: esse erano obbligate ad acquistare solo merci dall’Inghilterra e potevano utilizzare solamente navi inglesi. L’introduzione di nuovi dazi imposti dal governo inglese nel 1770, scatenò uno dei principali scontri nella città di Boston fra i coloni americani e le truppe britanniche. Gli scontri proseguirono nel 1775 a Lexington e numerose altre città, con la vittoria degli americani. Dopodiché i rappresentanti delle colonie si riunirono a Filadelfia, dove formarono un Congresso, il quale approvò una Dichiarazione d’indipendenza il 4 luglio del 1776: nacquero così gli Stati Uniti d’America, una confederazione di stati fondata sul rispetto dei diritti dell’uomo e sulla sovranità del popolo. L’Inghilterra riconobbe l’indipendenza degli Stati Uniti nel 1783, dopo una guerra che vide anche l’intervento della Francia.

Rivoluzione russa - Differenza tra rivoluzione russa e rivoluzione americana
Lo Zar Nicola II.

La rivoluzione russa comprende una serie di movimenti rivoluzionari scoppiati all’inizio de XX secolo. Dopo la prima guerra mondiale l’impero russo era devastato dai conflitti e dal governo zarista di Nicola II autocratico e assolutistico aveva dimostrato di essere totalmente disorganizzato dal punto di vista politico e militare. Nelle città la popolazione moriva di fame, mancavano infatti viveri e combustibile, anche a causa dell’inefficiente sistema ferroviario. Tale situazione insostenibile provocò inevitabilmente numerose rivolte popolari. In particolare  il 9 gennaio 1905 vi fu una rivoluzione popolare molto cruenta che passò infatti alla storia con il nome di “Domenica di sangue“; successivamente gran parte dell’esercito si unì alla popolazione, dove a Pietrogrado si conclusero questi primi scontri con la caduta dello zarismo. Ma qualche tempo dopo la rivolta riprese, dando origine alla cosiddetta rivoluzione d’ottobre.
Lenin, leader del partito bolscevico ed esponente della piccola nobiltà terriera, cercò di far cadere anche il governo provvisorio, guidato da Kerenskij, insieme ai soviet, rappresentanti delle masse operaie e contadine. Così Mosca venne occupata il  24 ottobre dai  bolscevichi e formarono un nuovo governo rivoluzionario a regime comunista.