Differenza tra referendum abrogativo e referendum costituzionale

IN BREVE

Il referendum abrogativo è un referendum che ha lo scopo di chiedere agli elettori se hanno intenzione di abrogare o meno una legge o una parte di essa. Per far si che che questo avvenga deve essere raggiunto il così detto quorum, cioè alla fine delle votazioni deve aver votato almeno il 50% + 1 degli aventi diritto al voto. Il referendum costituzionale ha invece lo scopo di richiedere la conferma o meno una legge di revisione della Costituzione o Legge costituzionale e non richiede il raggiungimento del quorum.

Referendum abrogativo - Differenza tra referendum abrogativo e referendum costituzionale
La Costituzione Italiana.

Il referendum, nell’ordinamento italiano, è uno strumento previsto dalla Costituzione.
Di norma, il referendum è di tipo abrogativo, ovvero al corpo elettorale viene chiesto se si voglia abrogare o meno una legge ordinaria o una parte di essa.
E’ previsto che la votazione abbia effetto solo se viene raggiunto il quorum: la maggioranza degli aventi diritto deve recarsi a votare altrimenti il referendum abrogativo non ha validità. La decisione è quella voluta dalla maggioranza dei voti espressi validamente.
Non tutte le materie possono essere oggetto di referendum abrogativo: l’art. 75 della Costituzione esclude “le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali”. La Costituzione medesima, salve le forme di cui all’art. 138, non può essere sottoposta a referendum abrogativo.
Il referendum svoltosi il 17 aprile 2016 sulla regolamentazione dell’estrazione di idrocarburi in mare, il così detto referendum delle trivelle, era un referendum abrogativo.

Il referendum costituzionale, previsto dall’art. 138 della Costituzione, è invece di tipo consultivo, ovvero si chiede egli elettori di confermare o meno una legge di revisione della Costituzione o altra Legge Costituzionale.
Il referendum costituzionale viene indetto se entro tre mesi dalla pubblicazione della legge costituzionale, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Il referendum costituzionale, a differenza di quello abrogativo, non richiede il raggiungimento del quorum.
Se la legge di revisione Costituzionale è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti non si dà invece luogo a referendum costituzionale.
Il referendum del 2016 per il DDL Boschi voluto dal Governo Renzi sulla modifica del Senato è un referendum costituzionale.