Differenza tra produttore e regista

IN BREVE

Il produttore, in questo caso teatrale-cinematografico, è la figura che si occupa della parte imprenditoriale della produzione di uno spettacolo, investendo o cercando e gestendo investitori. Il regista, invece, è quella figura artistiche che si occupa di “trasferire” la sceneggiatura sul palco o sulla pellicola, gestendo movimenti, attori, inquadrature. Le due figure possono tranquillamente sovrapporsi tra di loro oltre che con la figura dell’attore.

Produttore - Differenza tra produttore e regista
Il produttore, regista e sceneggiatore Steven Spielberg.

Il produttore è quella figura che investe denaro o che cerca investitori per una produzione artistica o ludica in generale, sia questa una produzione teatrale, un film o un album musicale.
E’ ovviamente una figura decisamente importante e decisionale: non è raro, in campo cinematografico, che registi stessi si facciano produttori di film di cui non hanno la regia come Steven Spielberg, celebre regista, produttore di decine di film e serie TV tra cui I Goonies, Man in black o la serie Under the dome.
Spesso anche alcuni attori, protagonisti e non, diventano produttori investendo nei film o negli spettacoli nei quali recitano. Ad esempio George Clooney in Syriana.
Anche se nella differenza tra regista e produttore l’ambito sia principalmente teatrale/cinematografico è importante ricordare che nel panorama musicale il produttore ha anche il compito più fattivo di gestire, organizzare e supervisionare le sessioni di registrazione, mentre il produttore televisivo ha il compito di seguire l’intero sviluppo di un programma o di una serie.

Regista - Differenza tra regista e produttore
Il regista e attore Quentin Tarantino sul set del film Django unchained.

Il regista è una figura che in campo teatrale e cinematografico responsabile del passaggio dalla sceneggiatura, cioè , alla produzione della pellicola vera e propria.
Attraverso diversi step il regista si occupa della realizzazione artistica gestendo e coordinando il movimento degli attori, i punti di vista delle inquadrature e il ritmo del racconto.
Spesso il regista deve essere in grado di motivare gli attori,, farli entrare nel personaggio e gestire il coinvolgimento nella scena.
Esistono registi attori, come Quentin Tarantino, Clint Eastwood o Woody Allen che dirigono il film e allo stesso tempo vi recitano dentro, non per forza con il ruolo di protagonista.