Differenza tra prestito titoli e pronti contro termine

IN BREVE

Il prestito titoli è un contratto mediante al quale vengono concessi titoli a tempo e in cui il titolare economico rimane il prestatore; trascorso il tempo concordato, il mutuatario è tenuto a restituire titoli dello stesso tipo e della stessa qualità; con l’operazione pronto contro termine invece, viene stipulato contratto attraverso il quale il cliente acquista dalla banca un certo numero di titoli che si impegna a riacquistarli dallo stesso acquirente a un prezzo in genere più alto e ad una data di scadenza predeterminata.

Prestito titoli - Differenza tra prestito titoli e pronti contro termine
Con il prestito titoli si “prestano” i propri titoli all’istituto bancario.

Il prestito titoli è il contratto con cui un soggetto (mutuante) cede a titolo di mutuo ad un altro soggetto (mutuatario) un certo ammontare di titoli di credito di massa (azioni od obbligazioni), con l’obbligo per il mutuatario di restituire altrettante cose della stessa specie entro un certo termine; la remunerazione del prestito titoli viene commisurata al valore degli strumenti finanziari dell’operazione di finanziamento effettuata ed alla durata della stessa, permettendo al cliente di aumentare la redditività dei propri titoli. Durante l’intera operazione il cliente può vendere o di richiedere il trasferimento degli strumenti finanziari in deposito.

L’operazione di pronti contro termine consiste in un contratto tramite il quale la banca vende una certa quantità di titoli obbligazionari al cliente, impegnandosi a riacquistare tale quantità ad un termine concordato e ad un prezzo fissato. Il compenso del cliente per questa operazione è costituita dalla differenza tra la spesa pagata all’acquisto a pronti delle obbligazioni ed il prezzo effettivo ricevuto nella vendita a termine. Caratteristica fondamentale dell’operazione di pronti contro termine è la presenza di un titolo che passa di mano due volte: dalla banca al cliente e viceversa. Il risparmiatore che vuole acquistare e vendere pronti contro termine deve essere titolare di un conto corrente bancario ed aprire un deposito titoli. Questo comporta dei costi aggiuntivi che normalmente non sono previsti nei conti deposito per cui chi ha già un conto deposito può acquistare subito i pronti contro termine.