Differenza tra prestito e comodato

IN BREVE

Il termine prestito indica un finanziamento di denaro che una società di credito autorizzata concede ad un altro soggetto economico con il vincolo della restituzione dell’importo maggiorato dagli interessi; il comodato invece, a differenza del prestito, è un contratto mediante il quale un soggetto consegna ad un altro un bene mobile o immobile per un determinato perdiodo di tempo con l’obbligo di riconsegnare la medesima cosa alla scadenza.

Prestito - Differenza tra comodato e prestito
I prestiti solitamente sono utilizzati per acquisti più contenuti, come un’automobile.

Il prestito corrisponde ad un importo di denaro che le banche o società finanziare possono concedere; è caratterizzato da un tasso d’interesse solitamente fisso che il debitore deve restituire secondo un piano rateale costante. Dato l’alto rischio per l’istituto di credito, vengono chieste diverse garanzie come ad esempio la firma di un fideiussore. L’accettazione delle richieste di prestito viene preceduta dall’analisi dell’affidabilità creditizia del cliente analizzando, sia la documentazione riguardante la sua situazione finanziaria attuale, sia  il rapporto di credito che riepiloga tutte le informazioni relative ai debiti in corso, alla puntualità sui pagamenti delle rate e alle domande di credito presentate.

Con il comodato una parte detta comodatario prende in consegna un bene mobile o immobile per un determinato periodo di tempo assumendosi il compito di riconsegnarlo al proprietario definito comodante, alla scadenza. Se il comodatario non assolve gli obblighi contrattuali definiti, il comodante ha il diritto di richiedere la riconsegna immediata del bene e un eventuale risarcimento danni. Il comodato appartiene alla categoria dei contratti definiti reali e per essere considerato concluso, necessita della consegna. Il comodato, essendo un prestito d’uso, ha l’obbligo di restituire la stessa cosa che per legge può identificarsi in un bene infungibile e non consumabile. Trattandosi di un contratto a titolo gratuito, le spese per la registrazione sono a carico del comodatario.