Differenza tra palco e palcoscenico

IN BREVE

Palco e palcoscenico sono spesso utilizzati come sinonimi, ma tra i due termini possiamo riconoscere alcune differenze. Il palcoscenico è quella parte del teatro dedicata all’esecuzione dello spettacolo, in cui sono presenti gli attori, le scenografie e le apparecchiature necessarie. Il palco invece è un termine più generico, che denota una qualsiasi struttura elevata da terra sul quale tenere discorsi, eventi, comizi e spettacoli.

Palco - Differenza tra palco e palcoscenico
Il palco sul quale discutono Don Camillo e Peppone.

Il palco è un termine generico che indica una struttura elevata da terra, in grado di sostenere una o più persone. Ad esempio, nel corso dei comizi elettorali i politici sono soliti salire su di un palco posto di fronte alla platea. Ad ogni modo, il palco è un termine che viene utilizzato anche in ambito teatrale per indicare le balconate sovrapposte nelle pareti laterali del teatro e dalle quali gli spettatori possono assistere alla rappresentazione. Ogni palco è separato dagli altri ed è caratterizzato da un ordine e un’altezza ben precisa. Storicamente i palchi erano riservati agli aristocratici, che potevano assistere allo spettacolo senza mescolarsi al popolo seduto in platea. Queste strutture vengono anche chiamate “palchetti”.
Il palco è comunque anche una delle parti che compongono, con le quinte, il proscenio e lo sfondo, l’area dove gli attori si muovono e recitano.

Palcoscenico - Differenza tra palco e palcoscenico
Il palcoscenico del Teatro Regio di Torino.

Il palcoscenico è quella parte del teatro destinato all’esecuzione dello spettacolo da parte degli attori.
Tradizionalmente, il palcoscenico è realizzato in legno, per permettere il fissaggio della scenografia e di tutte le parti mobili che possono servire alla realizzazione dello spettacolo. Inoltre, il piano del palcoscenico è leggermente inclinato, più basso nella zona antistante il pubblico e via via più alto, per consentire una buona visione da ogni punto della sala. Il palcoscenico nasce in epoca romana e si delinea come lo spazio dedicato agli attori. Non esiste un corrispettivo del palcoscenico nel teatro greco, in cui l’azione si svolgeva nello spazio semicircolare delimitato dalle gradinate del teatro.