Differenza tra mammiferi e rettili

IN BREVE

Sono moltissime le differenze morfo-funzionali fra rettili e mammiferi. Innanzitutto i mammiferi sono animali a sangue caldo, infatti la temperatura corporea viene regolata e conservata dal rivestimento di peli; invece i rettili sono animali a sangue freddo, ovvero la loro temperatura è influenzata da quella ambientale e non possiedono peli, ma squame. Inoltre nei mammiferi lo sviluppo embrionale avviene all’interno della madre e quando nascono i piccoli vengono alimentati col latte secreto dalle ghiandole mammarie della stessa; mentre i rettili depongono le uova, all’interno delle quali avviene il completamento dello sviluppo embrionale. Un’altra differenza è che i mammiferi possiedono tre ossicini nell’orecchio (il martello, l’incudine e la staffa), mentre nei rettili vi è un singolo osso.

Mammiferi - Differenza tra mammiferi e rettili
Una gatta allatta i suoi cuccioli, tipico dei mammiferi, da Flickr.com

mammiferi sono una classe di vertebrati, che per le varie differenze tra di loro, colonizzano praticamente qualsiasi ambiente del nostro pianeta, dalle calotte polari ai deserti, inoltre alcuni hanno evoluto delle pinne o delle ali, per cui alcuni colonizzano anche l’ambiente acquatico e altri sono in gradi di volare. Una caratteristica dei mammiferi è l’omeotermia, ovvero sono in grado di controllare e di mantenere costante la propria temperatura corporea, indipendentemente da quella dell’ambiente, entro determinati limiti. Inoltre sono animali vivipari (con poche eccezioni), ovvero lo sviluppo embrionale avviene all’interno dell’organismo materno, alla nascita i piccoli vengono allattati dalla madre e gli vengono prestate le cure parentali. I mammiferi sono provvisti di numerose ghiandole sebacee, sudoripare, odorifere e mammarie; in quasi tutte le specie il corpo è ricoperto di peli, strutture esclusive di questi animali. La mandibola dei mammiferi è costituita da un solo osso sul quale si trovano i denti, che vengono cambiati nel corso della loro vita.

Rettili - Differenza tra mammiferi e rettili
Un serpente appena uscito dall’uovo, da Flickr.com

I rettili sono una classe dei vertebrati eterotermi, sono cioè animali  a sangue freddo, infatti la loro temperatura corporea è influenzata da quella dell’ambiente esterno, non possedendo meccanismi di regolazione interna, come i mammiferi e gli uccelli; per questo motivo sono diffusi in tutte le parti del mondo ad eccezione delle zone più fredde del pianeta. I rettili rappresentano il primo gruppo di vertebrati che si sono adattati ad un ambiente strettamente terreste e che hanno colonizzato la terraferma, hanno quindi origini molto antiche. Il loro aspetto esteriore varia molto a seconda delle diverse specie; il corpo, infatti, può essere tondeggiante (tartarughe), oppure appiattito (alligatori), allungato o vermiforme, provvisto di zampe oppure completamente privo di arti (serpenti); inoltre la pelle dei rettili è poverissima di ghiandole e solitamente è provvista di un rivestimento corneo (squame o placche). La mandibola è costituita da tre piccole ossa su entrambi i lati e sono provvisti di denti più o meno identici tra loro, di forma conica e non vengono sostituiti nel corso della loro vita; i rettili, infatti, non utilizzano i denti per masticare o per tagliare a pezzi il cibo, ma semplicemente per afferrare le prede e per favorirne la deglutizione. Alcuni rettili possiedono, inoltre, delle ghiandole velenifere. La maggior parte dei rettili è ovipara, infatti depone uova, all’interno delle quali l’embrione completa il proprio sviluppo (con alcune eccezioni).