Differenza tra gioielleria e bigiotteria

IN BREVE

La principale differenza tra gli oggetti di gioielleria e quelli di bigiotteria sta nei materiali utilizzati per la loro realizzazione, sia dal punto di vista qualitativo, che economico. I gioielli sono realizzati con materiali preziosi (come ad esempio metalli pregiati o pietre preziose), di cui fanno spesso parte esemplari unici e di grande pregio e hanno un elevato valore economico. Al contrario la bigiotteria consiste in una sorta di “imitazione” della gioielleria, poiché per la sua realizzazione viene utilizzato qualsiasi tipo di materiale di scarso valore economico, per questo motivo hanno un costo molto minore.

Oreficeria - Differenza tra oreficeria e bigiotteria
Il Ponte Vecchio a Firenze ospita molte botteghe di gioiellieri.

Il termine gioielleria comprende tutta quella serie di oggetti, definiti per l’appunto “gioielli”, ovvero oggetti ornamentali che si indossano, i quali vengono realizzati con materiali e metalli pregiati (come oro, argento, platino, ecc.), spesso impreziositi con pietre preziose (diamanti, rubini, zaffiri, ecc.) ed inserti vari (legni nobili, avorio, corallo, perle, conchiglie, madreperla). Esistono numerose tecniche per la finitura dei gioielli, come l’incastonatura o l’incassatura delle pietre preziose. Uno dei principali metalli preziosi con cui vengono realizzati i gioielli è l’oro; è un metallo di transizione tenero di colore giallo, pesante, duttile e malleabile. Esso è uno dei pochi elementi che allo stato metallico, in condizioni standard, sono colorati, ovvero dotati di tinta ed è praticamente inattaccabile dalla maggior parte dei composti chimici (ad eccezione dell’acqua regia, dallo ione cianuro e dal mercurio). L’oro si trova allo stato nativo sotto forma di pepite, grani e pagliuzze nelle rocce e nei depositi alluvionali. Fra le pietre preziose utilizzate per la fabbricazione di numerosi gioielli si ritrovano numerose varietà di minerali, i quali vengono sottoposti a processi di taglio o lucidatura. Vengono considerate come gemme anche l’avorio, il corallo e le perle, che sono di origine animale anziché minerale, e l’ambra ed il giaietto, che sono di origine vegetale. La preziosità di queste pietre è determinata dalla loro purezza e dall’intensità del loro colore oltre che dalla loro rarità.
Chi lavora e crea i gioielli è il gioielliere o meglio ancora l’orafo, un abilissimo artigiano capace di forgiare bellissimi capolavori originali dal grande valore. Oggi giorno le gioiellerie più diffuse non sono però botteghe di artigiani cioè oreficerie, ma rivenditori che si limitano a presentare gioielli industriali di marca e ad effettuare piccole riparazioni. L’Italia è rinomata per avere abilissimi artigiani orafi.

Con il termine bigiotteria si suole indicare la vasta gamma di oggetti ornamentali e accessori da indossare,  come collane, bracciali, anelli e orecchini, realizzati interamente manualmente e utilizzando materiali non preziosi (una sorta di imitazione della gioielleria) come vetro, plastica, ceramica, legno, pietre conchiglie o metallo, che chiaramente risultano molto più economici rispetto ai gioielli veri e propri; i prodotti di bigiotteria puntano quindi più sulla creatività e sull’estetica, che sulla bellezza e purezza dei materiali utilizzati per realizzarli. Talvolta per realizzare tali oggetti viene utilizzato il processo di galvanizzazione, ovvero di applicazione mediante elettrolisi di un sottile strato di zinco, stagno, nichel e cromo sull’acciaio (o un altro metallo) per proteggerlo dalla corrosione o farlo sembrare più prezioso; è possibile ad esempio ricoprire del rame con l’argento. Uno dei metalli maggiormente utilizzati per fabbricare la bigiotteria è il nickel, un metallo bianco argenteo, duro, malleabile e duttile, appartenente al gruppo del ferro. Tuttavia l’allergia a questo metallo è molto diffusa;il contatto prolungato e frequente con materiali a base di nickel può causare l’insorgenza di questa malattia cutanea, perché questo metallo viene rilasciato in piccole quantità nella cute, originando, a lungo andare, la reazione dell’organismo. Allo stesso modo delle gioiellerie, anche molte bigiotterie sono diventate semplici rivendite di marchi o di catene che costruiscono gli accessori con metodi industriali. Ci sono, comunque, ancora parecchi negozi che offrono accessori originali e fatti a mano oltre che fornire ai clienti le materie prime per crearsi i propria bigiotteria.