Differenza tra fumata bianca e fumata nera

IN BREVE

La fumata bianca e la fumata nera sono due segnali di fumo che il Concilio Vaticano riunito ad eleggere un nuovo papa utilizza per comunicare alla folla e al mondo intero l’esito di una votazione appena conclusa. la fumata bianca indica una votazione andata a buon fine, mentre la fumata nera indica il nulla di fatto.

Fumata bianca - Differenza tra fumata bianca e fumata nera
La fumata bianca.

La cosiddetta “fumata bianca” è il segnale di fumo chiaro che fuoriesce dal comignolo di una piccola stufa presente nella Cappella Sistina all’interno della Città del Vaticano al termine dell’elezione di un nuovo Papa.
La fumata bianca è l’attesa conferma che il Concilio Vaticano ha raggiunto un verdetto e che la nuova guida della Chiesa Cattolica ha finalmente un nome. E’ importante per il messaggio che trasmette ai fedeli che attendono in un’atmosfera carica di eccitazione nella piazza di San Pietro. In media la fumata bianca viene accolta con un grido di euforia e con applausi. Nel parlare comune e giornalistico si definisce “fumata bianca“, anche l’esito positivo di una trattativa o della scelta di qualcosa.
Per creare la fumata bianca, un additivo chimico viene bruciato insieme alle schede di votazione.

Fumata nera - Differenza tra fumata bianca e fumata nera
La fumata nera.

La “fumata nera” è invece il simbolo opposto alla fumata bianca e comunica ai fedeli in attesa e al mondo intero che il Conclave non ha raggiunto nessun verdetto utile. La fumata nera viene accolta con una sonora disapprovazione dalla folla riunita tra il colonnato del Bernini.
Come per il termine fumata bianca, anche fumata nera viene utilizzato in altri contesti per definire una situazione di stallo o di non-accordo.
La fumata nera viene prodotta con le schede della votazione e con l’aggiunta di un elemento chimico che colora il fumo di un denso nero. Nonostante questo, spesso ci sono stati dei fraintendimenti.