Differenza tra Freud e Jung

IN BREVE

Sigmud Freud (1856-1939) è il fondatore della psicoanalisi, una particolare forma di terapia per i disturbi mentali. Carl Gustav Jung (1875-1961) invece è stato allievo di Freud, ma si è distaccato dalle concezioni di quest’ultimo fondando la psicanalisi, che differisce dalla psicoanalisi in alcuni punti essenziali: innanzitutto la Libido, che per Freud consisteva in una pulsione sessuale, per Jung consiste in un’energia psichica alla base di ogni comportamento umano; inoltre, alla nascita l’inconscio era un contenitore vuoto secondo Freud, mentre Jung parla di “inconscio collettivo” depositario sin dalla nascita di un passato ancestrale comune a tutti gli uomini; infine, secondo Jung la psicoanalisi freudiana è troppo orientata agli aspetti intrapsichici individuali e non dà sufficiente importanza al contesto effettivo in cui vive la persona e alle sue relazioni sociali.

Freud - Differenza tra Freud e Jung
Una delle foto più celebri di Freud.

Sigismund Schlomo Freud (1856 –1939), meglio conosciuto come Sigmud Freud, ha elaborato la teoria psicoanalitica della mente e la terapia psicoanalitica per il trattamento dei disturbi mentali. Freud ha una formazione medica: studia medicina, fisiologia e il sistema nervoso umano. Nel 1885 Freud si reca da Vienna a Parigi per seguire i corsi di Charcot, un illustre neurologo del tempo. In particolare, Freud si interessa ai disturbi isterici e al trattamento di questi, inizialmente con l’ipnosi, poi sviluppando il metodo catartico basato sulla parola. A partire dal 1895 Freud comincia a chiamare il suo metodo “psicoanalisi”. Nel 1897 Freud comincia un’ autoanlisi personale,esplorando i propri sogni, le proprie fantasie e definendo il complesso di Edipo. In seguito Freud si dedica all’opera di costruzione della teoria psicoanalitica, per cui nel 1899 pubblica “L’interpretazione dei sogni”, in cui svela la logica e i meccanismi sottostanti il lavoro onirico e il principio di piacere che li regola. Inoltre, nello stesso anno mette a punto il modello topografico della mente. Nel 1901 Freud pubblica “Psicopatologia della vita quotidiana”, in cui sostiene l’applicabilità delle sue scoperte alla psicologia normale e non solo a quella patologica. Nel 1902 Freud viene nominato professore all’università di Vienna e tra i suoi allievi compare anche Jung, con il quale ci sarà una rottura nel rapporto nel 1913. Freud continua il suo lavoro e la definizione della sua teoria fino al 1933, quando a causa dell’avvento del nazismo è costretto a trasferirsi a Londra assieme alla figlia Anna e dove morì nel 1939.

Jung - Differenza tra Freud e Jung
Gustav Jung.

Carl Gustav Jung (1875-1961) è stato allievo di Freud, ma si distaccò da questi e dalla sua teoria, dando vita alla psicanalisi. Jung studia medicina, ma i suoi interessi spaziano dalla psicologia all’antropologia. Nel 1900 comincia a lavorare all’istituto psichiatrico di Zurigo gestito da Bleuler (famoso per i suoi studi sulla schizofrenia). Nel 1906 Jung aderisce alla psicoanalisi, iniziando anche ad avere contatti con Sigmud Freud, che ebbe modo di incontrare personalmente nel 1907. Nel 1910 Jung viene eletto presidente dell’Associazione psicoanalitica internazionale e direttore della rivista ufficiale dell’associazione stessa. Tuttavia, ben presto Jung inizia a sviluppare un pensiero critico nei confronti di diversi aspetti delle teorie psicoanlitiche, finchè arriva a teorizzare concezioni della psiche discordanti rispetto a quelle freudiane. Nel 1913 Jung si distacca da Freud, sviluppando la corrente analitica e il metodo terapeutico psicanalitico. Ben presto Jung e la psicanalisi acquistano consensi a livello internazionale e diventano una delle terapie psicologiche più famose. Jung continua a sviluppare le sue concezioni anche durante il periodo difficile della dominazione nazista e, in seguito, si dedicherà fino alla sua morte alla psicanlisi e alla sua diffusione.