Differenza tra freni a disco e freni a tamburo

IN BREVE

Freni a disco e freni a tamburo sono sistemi meccanici utilizzati per fermare un veicolo.
I freni a disco funzionano tramite l’attrito che si crea quando delle pastiglie fissate al telaio si chiudono su un disco che gira con la ruota decelerando il mezzo. Permettono, per la loro forma, di essere facilmente raffreddate.
I freni a tamburo sono un sistema di freno più vecchio che prevede l’azione di ganasce che si allargano in un cilindro collegato alle ruote in movimento.

Freno a disco - Differenza tra freno a tamburo e freno a disco
Il doppio freno a disco montato sulla forcella anteriore di una motocicletta.

I freni a disco corrispondono a strumenti che consentono la fine della rotazione di una qualsiasi ruota, facendo in modo che il movimento di un qualsiasi mezzo si arresti in maniera repentina. I freni a disco costituiscono la scelta più moderna in questo ambito e funzionano mediante un sofisticato meccanismo, nel quale le pastiglie ancorate alla scocca della macchina si scontrano col disco attaccato alla ruota e fanno in modo che la ruota si fermi.
Come si nota già dalla denominazione, un freno a disco è formato da un particolare disco che può essere in acciaio, ghisa o in materiali compositi. Viene adoperato un sistema a pinza, con due pastiglie che vanno spinte contro il disco e fanno in modo che la vettura rallenti fin da subito.
Il freno a disco viene adottato dalla maggior parte delle vetture esistenti perché è in grado di smaltire il calore con maggiore facilità. Inoltre, non bisogna dimenticare la sua capacità di mantenere un atteggiamento sempre lineare, adattandosi anche a stili di guida piuttosto scriteriati.
La forma e la semplicità del freno a disco, infine, permettono di utilizzarlo su moltissimi tipi di mezzi diversi: ovviamente automobili, ma anche motocicli e biciclette.

Freno a tamburo - Differenza tra freno a tamburo e freno a disco
Il freno a tamburo montato sulla ruota posteriore di una motocicletta.

I freni a tamburo hanno una conformazione totalmente differente. Sono caratterizzati dalla presenza di un cilindro rotante legato alla ruota e funzionano con l’aiuto di una sequenza di ceppi fissati al telaio che agiscono direttamente sul cilindro stesso. Questi piccoli aggeggi sono noti anche con il nome di ganasce.
Un freno a tamburo è generalmente considerato più efficace rispetto a quello a disco grazie alla sua capacità di toccare elevati livelli di decelerazione.
L’efficacia di questo strumento appare indiscutibile, anche se con il passare degli anni tale modello si è reso sempre più obsoleto e ha lasciato spazio a soluzioni maggiormente al passo con i tempi.
Uno dei maggiori difetti dei freni a tamburo è costituito dal fatto che siano facilmente soggetti al surriscaldamento non riuscendo a far passare aria tra le parti meccaniche che fanno attrito, come il freno a disco: l’impianto frenante, così, tendere a deformarsi anche in un arco di tempo abbastanza limitato.
Nonostante questo i freni a tamburo sono tutt’ora utilizzati anche in vetture di nuova concezione.