Differenza tra esposto e querela

IN BREVE

L’esposto e la querela sono due tipi di segnalazione (rispettivamente di dissidio tra le parti o di reato) che i cittadini possono sottoporre alle autorità competenti. La querela è una dichiarazione all’autorità giudiziara che viene effettuata nel caso in cui ci si è trovati ad essere vittime di un reato non perseguibile d’ufficio. L’esposto invece è una segnalazione agli Ufficiali di Pubblica sicurezza di dissidi privati tra le parti, i quali però non sono classificabili come reati.

Querela - Differenza tra querela ed esposto
La querela deve essere presentata entro 3 mesi dal reato. 6 mesi se si tratta di reato a sfondo sessuale.

La querela è la dichiarazione con la quale una persona che è stata vittima di un reato (o il legale che la rappresenta)esprime la volontà che si proceda in ordine a tale reato e che venga punito il colpevole. La querela riguarda quei reati per i quali non è possibile procedere d’ufficio (per i quali è prevista la denuncia) e quindi si configura come una condizione di procedibilità. In Italia, per presentare una querela è necessario rivolgersi ad un pubblico ministero o ad un agente di polizia giudiziaria, invece se ci si trova all’estero sarà necessario rivolgersi a un agente consolare. Il diritto alla querela può essere esercitato nel  rispetto dei tempi previsti dalla legge: 3 mesi da quando è stato commesso il reato, mentre per i reati a sfondo sessuale il termine massimo sale a 6 mesi. La querela può essere presentata sia in forma scritta che orale e, oltre alla descrizione del reato, deve contenere la chiara manifestazione del querelante affinchè il colpevole del reato venga punito. Una querela può anche venire ritirata dopo che è stata presentata, in questo caso si parla di remissione: questa deve però venire accettata da chi era stato precedentemente querelato, il quale può avere interesse all’accertamento giudiziario della propria innocenza. In ogni caso, la remissione non è applicabile ai casi riguardanti le violenze sessuali.

Esposto - Differenza tra querela ed esposto
L’esposto cerca una mediazione tra le parti.

L’esposto è una segnalazione all’Autorità di Pubblica Sicurezza di un dissidio privato tra le parti coinvolte affinchè intervenga per mediare tra queste. A seguito dell’esposto, le parti devono comparire davanti agli Ufficiali di Pubblica sicurezza (appartenenti alla Polizia di Stato o ai Carabinieri), i quali possono redigere un verbale dell’incontro, utilizzabile anche nel caso di una successiva azione legale. Lo scopo di quest’incontro è quello di giungere ad una mediazione tra le parti coinvolte, ma affinchè ciò avvenga è necessario che non sia stato commesso un reato perseguibile d’ufficio o per il quale è possibile esporre una querela.Nel caso in cui sia stato commesso un reato per il quale è previsto il diritto di querela, l’aver effettuato un esposto non pregiudica il successivo diritto di querela. Gli esempi principali in cui è possibile effettuare un esposto sono i casi di litigi condominiali, per i quali è spesso possibile giungere ad un accordo davanti all’Ufficiale di Pubblica Sicurezza. In generale, l’esposto viene utilizzato per sottopore all’attenzione delle autorità dei fatti di dissidio tra le parti coinvolte, affinchè venga valutato se il dissidio resta tale o sussite l’ipotesi di reato.