Differenza tra dipendenza e abuso

IN BREVE

Dipendenza e abuso sono strettamente collegati nell’ambito delle sostanze stupefacenti, ma sono usati anche in altre situazioni.
La dipendenza è la creazione della necessità che un individuo prova nel dover ricercare la sostanza, oggetto o azione, alterando la propria routine e ignorando, in casi estremi, l’autocontrollo.
L’abuso è invece un utilizzo non moderato, oltre i limiti consigliati o consentiti, di una sostanza, oggetto o potere. Abuso è anche sinonimo di violenza.

Dipendenza - Differenza tra dipendenza e abuso
Anche l’alcool può creare dipendenza.

La dipendenza è una condizione fisica e psicologica che porta un individuo o un animale in generale a sviluppare una crescente necessità di assumere una sostanza, sia questa droga o farmaco.
La dipendenza ha un ampio spettro di sintomi, dai più lievi ai più gravi, dai più semplici da riscontrare (ferite e comportamenti asociali), altri più nascosti.
Si passa da nervosismo ed ansia, a scatti d’ira e feroce dolore fisico.
A colpa della dipendenza l’individuo perde l’autocontrollo e non riesce più a gestire l’istinto di raggiungere o di procurarsi cosa è convinto gli possa provocare nuovamente sensazione di piacere.
Ben conosciuta per la sua pericolosità è la dipendenza che si viene a creare nei confronti della maggior parte delle sostanze stupefacenti, in particolare cocaina e eroina.
Si parla di dipendenza emotiva quando la necessità riguarda un sentimento.

Abuso - Differenza tra dipendenza e abuso
L’Hotel Fuenti, uno storico abuso edilizio italiano.

Si definisce abuso l’utilizzo esagerato, non corretto, non consentito e oltre i limiti di una sostanza, di un oggetto o di una posizione di potere.
Abuso si utilizza spesso riferito al consumo di stupefacenti, ad esempio abuso di droga, ma viene anche utilizzato per indicare un sovra dosaggio, solitamente volontario, di qualsiasi medicinale.
Si parla di abuso edilizio quando un edificio viene costruito, modificato o ampliato senza le dovute autorizzazioni.
Molto importante e tristemente noti sono l’abuso d’ufficio e l’abuso di potere, termini che indica differenti usi scorretti e illegali del potere di un pubblico ufficiale.
La parola in sé viene anche utilizzata come sinonimo di violenza ad esempio nel caso di abuso su un minore.