Differenza tra centrifuga e frullatore

IN BREVE

La centrifuga è un apparecchio che permette di ricavare il succo da frutta e verdura, separandolo dalla polpa e dalla buccia; il succo è pertanto chiamato centrifugato ed è particolarmente adatto per combinare in questo modo diversi frutti od ortaggi. Il frullatore invece serve per frullare l’intero frutto: infatti rispetto al succo ottenuto con la centrifuga, il frullato mantiene al suo interno anche la polpa risultando così più ricco di fibre, utili per il buon funzionamento dell’intestino. Per questo motivo i frullati saziano molto di più rispetto ai succhi ottenuti con la centrifuga.

Centrifuga - Differenza tra centrifuga e frullatore
Gli scarti della centrifuga possono avere diversi utilizzi.

La centrifuga è un piccolo elettrodomestico che serve per produrre frullati e spremute di frutta e verdura, i quali vengono chiamati centrifugati, in particolare viene utilizzata per quell’insieme di prodotti che non possono essere inseriti nello spremiagrumi. Questo apparecchio funziona a corrente elettrica e può essere singolo oppure incluso all’interno di elettrodomestici multifunzione. La centrifuga è in grado di ricavare il succo non solo della frutta, ma anche della verdura, le quali devono essere inserite in un’apertura dopo averle tagliate in modo grossolano, evitando di farci finire dentro anche grossi semi o noccioli e senza doverle sbucciare, ad eccezione degli agrumi. La centrifuga viene azionata da un motore che ruota a gran velocità e trita la frutta inserita al suo interno: qui operano delle  piccolissime lame in acciaio poste in cerchio e un filtro a maglie molto strette; grazie alla forza centrifuga la parte liquida viene separata da quella solida e quest’ultima viene raccolta all’interno dell’apparecchio, mentre invece il succo esce all’esterno della macchina tramite un beccuccio. Il succo può essere quindi raccolto in una caraffa o direttamente in un bicchiere rendendo la bevanda già pronta per essere servita. La polpa di scarto della centrifuga non deve essere necessariamente buttata, ma può essere sia utilizzata come impasto per torte e biscotti oppure come concime per le piante.

Frullatore - Differenza tra centrifuga e frullatore
Un frullatore dotato di rubinetto.

Il frullatore è un piccolo elettrodomestico, ma può anche essere venduto come accessorio di numerosi robot da cucina.
I frullati possono essere fatti con frutta oppure verdura, che però devono essere puliti o lavati e tagliati a pezzetti prima di essere inseriti all’interno dell’apparecchio, ma potrebbe anche capitare che il frullatore non sia abbastanza potente e non sia dunque in grado di frullare verdure troppo dure. Il meccanismo che fa funzionare un frullatore è molto semplice, esso è composto infatti da un bicchiere molto capiente, alla base del quale sono poste delle lame in acciaio che sminuzzano la frutta e la verdura, il tutto funziona grazie ad un motore elettrico, che fa girare le lame a gran velocità una volta azionato. Il frullatore permette di non sprecare la polpa della frutta, che viene frullata insieme al succo, è infatti adatto a chi vuole preparare frullati nutrienti che apportino all’organismo una gran quantità di vitamine, sali minerali e soprattutto fibre, grazie alle quali i frullati saziano molto di più rispetto ai soli succhi di frutta, in quanto aumentano il senso di sazietà’.Vengono infatti utilizzati in numerose diete. I frutti più apprezzati per questo tipo di preparazione sono banana, mela e pera, in quanto reperibili tutto l’anno, ma si possono frullare insieme anche frutti diversi e se si vuole è possibile aggiungere dell’acqua o dello zucchero, oppure frullare degli ortaggi per ottenere dei buonissimi passati di verdura, ad esempio zucchine, spinaci, zucca e molto altro.