Differenza tra camicie e camice

IN BREVE

La confusione che nasce dalla differenza tra camicie e camice è dovuta solo e semplicemente all’assonanza tra le due parole.
Infatti camicie, con la “i”, è il plurale di camicia, mentre camice è l’indumento che viene indossato a scopo protettivo da professionisti in ogni settore.

Camicie - Differenza tra camicie e camice
Tre camicie con differenti stili e di differenti materiali.

Camicie è il plurale di camicia, indumento classico nato tra il 1500 e il 1600, che copre busto, braccia, si chiude con dei bottoni sul petto e ha un colletto rigido.
Ovviamente esistono milioni di tipi differenti di camicie che seguono moda e stili differenti con tanti particolari.
Camicie con colletto e senza colletto, camicie con  taschino e senza taschino, camicie sancrate o regolari, camicie con i bottoni o predisposte per i gemelli.
Le camicie sono principalmente un indumento elegante che fa parte del vestito intero, lo stesso che si usa per andare a lavoro o per occasioni importante.

Camice - Differenza tra camice e camicie
Dei ricercatori che vestono il camice in laboratorio.

Il camice è un indumento protettivo che copre busto gambe e braccia e che si indossa sopra i normali vestiti coprendoli e proteggendoli da usura e sporco.
Il camice può chiudersi sul petto o sulla schiena e a seconda dell’impiego deve rispondere a particolari esigenze di resistenza, protezione e sicurezza. Se per i medici, i così detti “camici bianchi” basta che sia in cotone bianco, per i ricercatori in laboratori chimici ai camici può essere richiesto di resistere a sostanze chimiche corrosive e nocive.
A livello domestico è molto più comune l’utilizzo del grembiule.