Differenza tra camice e grembiule

IN BREVE

Camice e grembiule servono entrambi a proteggere gli indumenti su cui vengono indossati. La differenza principale è che il camice copre in modo integrale praticamente tutto il corpo, braccia comprese, mentre il grembiule si lega in vita e, nel caso dei grembiuli lunghi, attorno al collo.
Se il camice è più un indumento professionale, il grembiule viene comunemente usato in casa, in particolare in cucina e in giardino.

Camice - Differenza tra camice e grembiule
Il camice bianco è storicamente indossato dai medici.

Il camice, da non confondere con camicie, è un indumento protettivo che si indossa sopra i normali vestiti coprendoli e proteggendoli da usura e sporco.
A seconda dell’ambito lavorativo nel quale viene impiegato, il camice può chiudersi sul petto o sulla schiena e deve rispondere a particolari esigenze di resistenza, protezione e sicurezza.
Inoltre l’uso del camice per molte professioni è diventato segno distintivo come ad esempio il “camice bianco” che individua un medico. Il camice viene anche utilizzato, ad esempio, dai chimici in laboratorio che in questo caso usano materiale resistente alle sostanze con cui lavorano.
Anche i macellai usano il camice per proteggere gli indumenti dal sangue e dalla lavorazione della carne.
A livello domestico è molto più comune l’utilizzo del grembiule.

Grembiule - Differenza tra grembiule e camice
Un bel grembiule lungo da cucina.

Il grembiule è una stoffa protettiva che viene indossata per proteggere gli indumenti durante attività domestiche o professionali che potrebbero sporcarli. Il grembiule si lega alla vita e nella sua versione più lunga anche al collo.
Anche il grembiule storicamente riconosce alcune professioni come il cuoco o il panettiere.
In particolare alcune professioni, come quella del giardiniere, richiedono grembiuli forniti di tasche per riporre e portare attrezzi con agilità.
Il grembiule più classico e conosciuto rimane comunque quello usato in cucina mentre si preparano pietanze ai fornelli.