Differenza tra bullismo e cyberbullismo

IN BREVE

Il cyberbullismo non è altro che la versione virtuale del bullismo, ossia un genere di violenza e di umiliazione perpetrati da giovani ai danni di vittime bersagliate e derise per un motivo sociale, fisico o comportamentale. Il cyberbullismo ovviamente segue le dinamiche e i canali di internet e del web.

Bullismo - Differenza tra bullismo e cyberbullismo
Il bullismo spesso ha come risultato l’isolamento della vittima.

Il bullismo è una forma di violenza fisica, verbale e psicologica ampiamente diffusa nella popolazione giovanile, principalmente in ambiti di aggregazione sociale come le scuole.
Consiste nella presa in giro, nell’umiliazione e nel ridicolizzare alcune persone facendo leva su punti deboli fisici o caratteriali della persona. Spesso il bullismo sfocia in violenza e in abusi gratuiti.
Il bullismo desta molta preoccupazione tra le autorità in quanto crea enormi difficoltà alle vittime che in alcuni, purtroppo non rari, casi arrivano anche al suicidio piuttosto che continuare a dover fronteggiare un’umiliazione o percosse continue.

Cyberbullismo - Differenza tra bullismo e cyberbullismo
Il cyberbullismo è tanto pericoloso quanto il bullismo.

Il cyberbullismo è la versione virtuale del bullismo. Da quando online si sono potute formare grosse comunità di discussione, il fenomeno del cyberbullismo ha preso piede, potenziato anche dall’anonimità garantita dalla rete o comunque dal distacco geografico.
Con l’evolversi e con il potenziamento degli strumenti web, il cyberbullismo ha trovato terreno fertile con l’intensificarsi di scambio di immagini e registrazioni video dando vita anche al fenomeno del public shaming, ossia l’umiliazione pubblica sulla rete.
I social network come Facebook sono costantemente sotto controllo per prevenire ed intervenire ove fosse ritenuto necessario. Allo stesso modo le istituzioni, principalmente nella figura della Polizia Postale, vigilano e intervengono in caso di segnalazione o denuncia di cyberbullismo.