Differenza tra badante e colf

IN BREVE

La badante, come dice il termine stesso, si occupa di badare e assistere una persona non autosufficiente, per lo più anziani o persone con problemi fisici o di salute. Tale figura può anche svolgere le mansioni da colf, in quanto la persona anziana non è in grado di occuparsi della propria casa. Solitamente vengono assunte come badanti persone extracomunitarie, soprattutto donne. Invece una colf si occupa prettamente delle faccende domestiche, riordina, lava, cucina, collaborando dunque con la famiglia che l’ha assunta, che non è formata necessariamente da soggetti anziani, ma semplicemente da persone che non hanno tempo o di occuparsi della casa o che desiderano un aiuto.

Badante - Differenza tra badante e colf
La badante aiuta a gestire un paziente.

La cosiddetta badante, termine poco appropriato che è stato sostituito da “assistente familiare” è una sorta di collaboratrice domestica, che si occupa dell’assistenza di anziani e di persone non autosufficienti, a causa delle loro condizioni di salute o di età. Tale forma di collaborazione, molto spesso include anche il lavoro di colf, in quanto se una persona anziana non è in grado di accudire se stessa, difficilmente riuscirà a prendersi cura della casa. Infatti la badante assiste una persona, aiutandola ad esempio a lavarsi, cambiarsi, spostarsi e molto spesso si prende cura della sua casa: fa le pulizie di casa, cucina, va a fare la spesa, accompagna l’anziano a fare una passeggiata o delle commissioni, ad esempio dal medico o in farmacia a prendere le medicine; dunque assiste generalmente una persona anziana non autosufficiente, affinché possa continuare a vivere nella a casa sua anziché andare in un ospizio. Molto spesso le badanti vivono loro stessa nella casa con la persona anziana, fornendo assistenza anche durante la notte. Le badanti sono per lo più donne e straniere e la maggior parte di loro proviene dall’est Europa e arriva in Italia regolarmente con un visto turistico che dura pochi giorni. In genere intraprendono tale esperienza lavorativa nel nostro paese per un breve periodo, giusto il tempo di mettere da parte un po’ di denaro e talvolta fanno rientro a casa nel loro paese. Tuttavia molte di loro sarebbero clandestine, solo per una minima parte viene assunta con un regolare contratto di lavoro, mediante un servizio pubblico o un’agenzia.

Colf - Differenza tra badante e colf
Il termine "colf" arriva da collaboratore familiare.

Il termine colf è nato dall’unione delle due parole “collaboratore” e “familiare”, si riferisce a tutti gli addetti ai servizi domestici che prestano la loro opera, continuativa e prevalente, di almeno 4 ore giornaliere presso lo stesso datore di lavoro, con retribuzione in denaro o in natura. I colf e le colf, dunque, possono svolgere diversi tipi di mansioni a livello domestico, comprendono camerieri, cuochi, governanti, giardinieri, maggiordomi, badanti o baby sitter. Se la loro assunzione e il contratto di lavoro stipulato con la famiglia presso la quale lavorano è in regola, i colf hanno diritto alle ferie, al TFR, vengono tutelati in caso di malattia, infortunio e maternità. La colf, intese come governanti o collaboratrici domestiche si occupano principalmente della casa e secondariamente le persone che vi abitano, a differenza delle cosiddette badanti; dunque si occupano di fare le pulizie di casa, lavare, stirare, cucinare o fare la spesa. In Italia la maggior parte delle colf sono donne, per lo più straniere provenienti da Romania, Ucraina, Filippine  Moldavia e altri paesi. Inoltre gran parte di loro lavorano in nero senza alcun tipo di contratto.