Differenza tra antitesi e ossimoro

IN BREVE

Antitesi e ossimoro sono due figure retoriche, che consistono nell’associazione di parole il cui significato si contrappone. L’antitesi consiste nell’accostamento di concetti contrapposti in due frasi diverse, mentre l’ossimoro è un tipo di antitesi che consiste nell’associazione di parole di significato contrapposto nella stessa frase.

Antitesi - Differenza tra antitesi e ossimoro
Il Petrarca.

L’antitesi, dal greco “contrappostizione“,è una figura retorica che consistente in un accostamento di parole o concetti contrapposti.
Particolarmente utilizzata nella poesia, l’antitesi viene utilizzata per far risaltare un concetto o un pensiero puntando proprio sulla contrapposizione di due parole opposte e si può quindi ottenere affermando qualcosa e negandola allo stesso tempo (es. “Pace non trovo e non ho da far guerra”, Petrarca oppure il modo di dire “Bene, ma non benissimo”).
Il termine antitesi ha origini nella filosofia classica ed indicava in generale un rapporto di contrapposizione tra due concetti. Nella figura retorica dell’antitesi i termini non sono semplicemente accostati (come ad esempio un nome e un aggettivo), ma sono utilizzati in strutture sintattiche più complesse, che conferiscono al discorso un tono solenne.

Ossimoro - Differenza tra antitesi e ossimoro
La locandina del film Caos calmo.

L’ossimoro è un tipo di antitesi ed è una figura retorica che consiste nell’accostamento di due parole di significato contrapposto nella stessa frase. Esempi di ossimoro possono essere: “silenzio rumoroso”, “ghiaccio bollente”, “”caos calmo”, ecc…
I termini usati nell’ossimoro possono sembrare incompatibili, ma in realtà questa associazione conferisce forza al concetto che si intende esprimere, giocando con il paradosso e l’inatteso.
Proprio per il loro carattere inaspettato, gli ossimori puntano ad attirare l’attenzione del lettore utilizzando i contrasti per sottolineare la particolarità e l’unicità di un pensiero o di un concetto che si vuole esprimere.
L’associazione di idee nettamente in contrasto tra loro generate dall’ossimoro viene anche definito paradossismo.