Differenza tra antibiotico e cortisone

IN BREVE

In molte terapie è comune vedere affiancato l’uso di uno o più antibiotici e del cortisone. Sebbene questa associazione possa far pensare che le due sostanze abbiano azione simile, è molto importante sottolineare come queste siano estremamente diverse e per nulla interscambiabili. Gli antibiotici hanno un’azione antimicrobica mentre il cortisone ha un’azione antiinfiammatoria. E’ quindi fondamentale consultare sempre un medico ed avere chiara la causa del disturbo per decidere l’ approccio terapeutico da intraprendere.

Antibiotico - Differenza tra antiviotico e cortisone
Gli antibiotici combattono e prevengono le infezioni.

Gli antibiotici sono una classe di farmaci ad azione antimicrobica molto antica. Sia in medicina, che in medicina veterinaria, l’uso di questi farmaci ha permesso di conseguire numerosissimi successi terapeutici.
Per una corretta definizione, si parla di antibiotici quando la molecola in questione è una molecola di origine naturale (prodotta da microorganismi) mentre si parla di chemioterapici quando si è in presenza di una molecola del tutto sintetica.
Con il termine chemioantibiotici ci si riferisce ad entrambe anche se per semplicità e uso comune continueremo ad utilizzare antibiotici per non creare ulteriori confuzioni.
L’azione degli antibiotici è in gran parte antibatterica ma anche antivirale, antifungina ed antiparassitaria.I meccanismi di azione degli antibiotici possono essere molto diversi, e, in termini generali, questa tipologia di farmaci può essere suddivisa in antibiotici a largo o a ristretto spettro di azione. Per impostare un terapia, si inizia solitamente con un antibiotico ad ampio spettro di azione poi, a seconda di come risponde il paziente (e l’agente microbico), si può procedere ad ulteriori analisi e all’utilizzo di antibiotici più mirati. Le terapie antibiotiche, a seconda del farmaco utilizzato, hanno solitamente dosaggi e tempistiche precise.
E’ molto importante seguire attentamente le indicazioni terapeutiche del medico per evitare la comparsa di fenomeni di resistenza tra le popolazioni  microbiche. Tali fenomeni potrebbero risultare nell’assoluta inefficacia dell’antibiotico nel caso si ripresentasse lo stesso agente infettivo.

Cortisone - Differenza tra antibiotico e cortisone
Il cortisone e i farmaci cortisonici sono commercializzati in varie forme tra cui in pillole.

Il cortisone è una sostanza sintetica che mima gli effetti del cortisolo. Il cortisolo è un ormone fisiologicamente prodotto nel nostro organismo dalle ghiandole surrenali, che svolge moltissime funzioni come ad esempio:  intervenire nel metabolismo dei carboidrati e delle proteine, avere un  effetto infiammatorio, adattare l’organismo allo stress, etc… Il cortisone viene impiegato come potente antiinfiammatorio in quanto è in grado di bloccare la produzione di una serie di composti che intervengono nel determinismo dell’infiammazione. Tra i suoi utilizzi, come conseguenza del blocco di queste sostanze, il cortisone ha un’azione antipiretica (abbassa la febbre) ed anti dolorifica. Il cortisone viene poi anche utilizzato in caso di malattie allergiche, malattie autoimmuni, malattie articolari, malattie cutanee. E’necessario ricordare che, simulando l’azione dell’ormone cortisolo, il cortisone ha molteplici effetti sull’organismo: aumenta la pressione, interagisce con i principali assi ormonali, aumenta la secrezione acida dello stomaco, riduce la  risposta immunitaria, inibisce la cicatrizzazione, agisce sul metabolismo del calcio, dei carboidrati e delle proteine.  Lunghe od inutili terapie a base di cortisone possono causare gravissimi effetti collaterali e per questo motivo è sempre fondamentale l’indicazione medica per l’uso di questo farmaco.