Category: Inglese

Differenza tra yet e still

Still e Yet sono entrambi avverbi di tempo, che vengono tradotti con “ancora”, ma in realtà hanno una differente sfumatura di significato.

Differenza tra never e ever

Ever e never sono entrambi avverbi di frequenza, con una sottilissima differenza, infatti ever significa “mai”, mentre never viene tradotto come “non… mai”.

Differenza tra will e going to

Sia Will che Going to in inglese servono per esprimere il futuro, ma vengono utilizzati in maniera molto differente a seconda del significato che deve esprimere la frase o della situazione. Going to, in particolare, è usato per esprimere un futuro “intenzionale”.

Differenza tra shall e should

Entrambi sono traducibili con “dovere” e sono verbi modali seguiti dall’infinito; shall si usa solo nelle frasi interrogative, should è la forma al condizionale. Vengono utilizzati spesso per consigliare qualcosa.

Differenza tra will e would

Will e would sono dei verbi modali seguiti dall’infinito, che significano letteralmente “volere”, ma il primo viene utilizzato nelle frasi al presente e al futuro, mentre il secondo è la forma al condizionale, quindi si usa nelle frasi al passato.

Differenza tra can e could

Can e could sono lo stesso verbo modale e vengono entrambi tradotti come “potere”. Il primo è la forma al presente, mentre la seconda è la forma al condizionale, per cui si utilizza nelle frasi al passato.

Differenza tra some e any

Sia some che any corrispondono in italiano a “alcuni”, “un po’ di”, “dei”, “delle” e possono essere usati con i sostantivi numerabili e non numerabili. Tuttavia si usano in maniera differente a seconda che la frase sia affermativa, negativa o interrogativa.

Differenza tra must e have to

In italiano vengono tradotti entrambi con il verbo “dovere”, tuttavia in inglese vengono utilizzati in circostanze differenti: nella forma positiva la differenza sta nella provenienza interna o esterna del ‘dovere’. Se sono io che impongo a me stesso qualcosa allora userò must, se invece mi viene imposto da qualcun’altro allora userò have to, anche se il confine è molto sottile.

Differenza tra may e might

Entrambi sono verbi modali, che vengono tradotti in italiano come “potere”; il primo viene utilizzato nelle frasi al presente, mentre il secondo in quelle al condizionale. Le frasi con verbi modali, come may e might si formano cosi: soggetto + may/might + infinito.

Differenza tra make e do

Entrambi corrispondono al verbo “fare” in italiano, ma vengono utilizzati in circostanze differenti. il primo ha un significato più generico