mercoledì 29 marzo 2017
Home Cibi e alimentazione

Cibi e alimentazione

DOC - Differenza tra DOP e DOC

Differenza tra DOP e DOC

Le sigle DOP e DOC vengono spesso confuse tra loro in quanto entrambe stanno ad indicare la certificazione di autenticità di prodotti che hanno origine in un'area geografica italiana ben definita, ma se DOP si riferisce più genericamente a prodotti agroalimentari, DOC si riferisce in particolare ai vini italiani.
Pasta - Differenza tra pasta e pasta integrale

Differenza tra pasta e pasta integrale

La pasta e la pasta integrale sono due dei principali alimenti di origine vegetale della cucina italiana. Vi sono diverse tipologie di pasta, che si differenziano a seconda del processo di lavorazione e della loro componente nutrizionale; la pasta classica, a base di farina di semola è composta dalla parte più interna del cereale e viene setacciata e macinata più volte, per questo motivo però risulta più povera di vitamine e minerali, mentre invece la pasta integrale, essendo prodotta dalla macinazione dell'intera pianta di frumento, conserva tutte le sue componenti nutritive e in particolar modo grazie alla sua ricchezza di fibre favorisce una corretta attività intestinale.
Centrifuga - Differenza tra centrifuga e frullatore

Differenza tra centrifuga e frullatore

La centrifuga è un apparecchio che permette di ricavare il succo da frutta e verdura, separandolo dalla polpa e dalla buccia; il succo è pertanto chiamato centrifugato ed è particolarmente adatto per combinare in questo modo diversi frutti od ortaggi. Il frullatore invece serve per frullare l'intero frutto: infatti rispetto al succo ottenuto con la centrifuga, il frullato mantiene al suo interno anche la polpa risultando così più ricco di fibre, utili per il buon funzionamento dell’intestino. Per questo motivo i frullati saziano molto di più rispetto ai succhi ottenuti con la centrifuga.
Pasta sfoglia - Differenza tra pasta sfoglia e pasta brisé

Differenza tra pasta sfoglia e pasta brisèe

La pasta sfoglia e la pasta brisèe sono due tipici impasti base per torte dolci e salate. La pasta brisèe è un impasto tipico della pasticceria francese, utilizzato non solo per la preparazione di dolci, ma anche di torte salate. Si distingue dalla pasta sfoglia perché non contiene le uova: infatti anche se all'apparenza sono molto simili, risulta più leggera e croccante e inoltre la sua ricetta è molto di più semplice e veloce. La preparazione della pasta sfoglia invece è molto più lunga ed elaborata. Richiede numerosi passaggi ben precisi, ma anch'essa è adatta sia per le ricette salate, che per quelle dolci.
Prosciutto cotto - Differenza tra prosciutto cotto e prosciutto crudo

Differenza tra prosciutto cotto e prosciutto crudo

Il prosciutto cotto e il prosciutto crudo sono due salumi prodotti in italia (ce ne sono di simili anche all'estero ma con nomi e processi produttivi differenti) derivati entrambi da due differenti lavorazioni esclusivamente della coscia del suino. Il prosciutto cotto viene in media disossato, salato, siringato, massaggiato, ma prende il suo nome dalla cottura a vapore in forme metalliche che gli conferiscono la sua nota forma facilmente affettabile. Il prosciutto crudo può essere disossato (a seconda della denominazione) dopo di che viene salato e messo a stagionare. Nessuna cottura è quindi prevista. Per entrambi i prosciutti esistono differenti varietà locali e regionali che rispondono a severi standard di produzione.
Piano cottura a gas - Differenza tra piano a cottura a gas e piano cottura a induzione

Differenza tra piano cottura a gas e piano a induzione

Il piano cottura a gas e il piano a induzione differiscono per la metodologia di generazione e trasmissione di calore. Il piano a cottura a gas sfrutta la combustione di gas infiammabile per produrre calore che si trasmette al pentolame. Il piano a gas è modulabile e non dipende dalla rete elettrica, però disperde molta energia. Il piano a induzione, invece, sfrutta le caratteristiche elettromagnetiche di bobine elettrificate poste al di sotto di un piano di vetroceramica. Questo piano permette l'utilizzo di pentolame esclusivamente predisposto e con il fondo "ferroso", ma è più facile da pulire ed è estremamente efficiente.
Piano a induzione - Differenza tra piano a induzione e piano in vetroceramica

Differenza tra piano a induzione e piano in vetroceramica

Il piano a induzione e quello in vetroceramica sono due piani cottura che sfruttano energia elettrica in maniera diversa per produrre calore e cuocere. Il piano a induzione sfrutta un campo elettromagnetico generato da bobine elettrificate: il campo magnetico riscalda per induzione direttamente il materiale ferroso che compone il pentolame in modo estremamente efficiente. Non può però riscaldare alluminio, vetro e terracotta. Il piano in vetroceramica non è altro che l'evoluzione del piano a piastre elettriche. Sopra le piastre è stato posto un piano in vetrocermaica che lo rende molto più comodo e funzionale. Le resistenze sotto la vetroceramica si arroventano e scaldano il piano che a sua volta riscalda tutto ciò che vi è posato sopra senza distinzioni di materiali. Questo però comporta una grande dispersione di energia termica.
Vitamine - Differenza tra vitamine e proteine

Differenza tra vitamine e proteine

Vitamine e proteine sono entrambi composti vitali per il nostro organismo. Le vitamine sono implicate in moltissime funzioni organiche essenziali ad esempio nell'immagazzinamento del calcio o nella coagulazione del sangue. A seconda se si trovino in alimenti acquosi o grassi vengono definite rispettivamente idrosolubili (frutta-verdura) o liposolubili (latte-grasso animale). Le proteine sono, invece, i veri e propri mattoni dell'organismo: si differenziano a seconda della funzione andando a costituire ossa, epitelio, peli, capelli, anticorpi eccetera. Le proteine sono costituite da amminoacidi, 20 dei quali, definiti "essenziali", non vengono prodotti dal corpo e vanno introdotti con determinati alimenti.
Ecosostenibile - Differenza tra ecologico e ecosostenibile

Differenza tra biologico e ecosostenibile

Biologico ed ecosostenibile sono termini molto attuali che si riferiscono al rapporto e agli approcci che l'uomo ha con la natura. Biologico è principalmente utilizzato, anche a livello legislativo, per indicare un tipo di produzione agricolo e di allevamento che rispetti il più possibile i cicli naturali e gli animali, cercando di evitare l'utilizzo di prodotti sintetici. In pratica viene utilizzato, spesso a sproposito, come sinonimo di "naturale". Ecosostenibile viene invece utilizzato per definire tutte quelle pratiche che tengono conto dei limiti e delle debolezze dell'ambiente in cui l'uomo opera, studiando processi costruttivi, di gestione e turistici che si integrino il più possibile con la natura ospitante.
Centrifuga - Differenza tra centrifuga e estrattore

Differenza tra centrifuga ed estrattore

La differenza tra centrifuga ed estrattore risiede principalmente nella metodologia utilizzata dai due elettrodomestici per ricavare succo dagli alimenti. La centrifuga trita gli alimenti ad altissime velocità e usa la forza centrifuga per schiacciare la polpa contro un filtro che separa succo e polpa. L'estrattore schiaccia lentamente e con grande forza gli alimenti contro un filtro estraendone il succo e lasciando di scarto una polpa molto secca. Di base la centrifuga estrae meno succo dell'estrattore ma lascia una polpa più umida che può essere riutilizzata per cucinare. Il successo di questi due elettrodomestici è dovuta alle centinaia di ricette possibili incrociando i sapori di frutta e verdura in succhi saporiti e sicuramente salutari.