Skip to content

Differenza tra TAN e TAEG



TAN e TAEG sono degli indicatori relativi ai tassi di interesse applicabili ad un finanziamento. Il TAN (Tasso Annuo Nominale) indica il tasso di interesse puro, viene espresso in percentuale ed è calcolato su base annua. Invece il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) è un indicatore effettivo del costo del finanziamento ed è dato dalla somma del TAG e delle spese accessorie connesse al finanziamento stesso.

qual è la differenza tra

TAN- Differenza tra TAN e TAEG

Il TAN è un valore annuo.

TAN è l’acronimo di “Tasso Annuo Nominale” ed indica il tasso di interesse puro applicato ad un finanziamento. In sostanza, il TAN rappresenta l’ammontare degli interessi che bisogna corrispondere a chi ci ha prestato del denaro (come ad esempio una banca), per il solo fatto di averci fornito un’immediata disponibilità di capitale. Il TAN viene espresso in percentuale ed è calcolato su base annua. Spesso si sente parlare di TAN o TAEG nelle pubblicità delle banche, le quali utilizzano questi termini per dare un’idea dell’onerosità delle rate di un prestito o di un mutuo. Tuttavia, è facile cadere in inganno: il TAN non corrisponde al tasso di interesse realmente applicato al finanziamento, ma al tasso effettivo periodale moltiplicato per il numero di periodi che compongono un anno. Detto in altri termini: nei comuni piani di prestito, gli interessi non vengono pagati tutti in un’unica volta a fine anno, ma sono diluiti su ogni singola rata. Quindi, se ad esempio ogni 3 mesi pago una rata del mutuo con tasso al 3%, il TAN sarà di 12% (in un anno pagherò 4 volte la mia rata, dal momento che ne pago una ogni 3 mesi: 3% x 4=12%), ma il tasso annuo effettivo sarà maggiore per effetto della capitalizzazione. Inolte il TAN indica solamente l’ammontare degli interessi dovuti su un prestito, senza tenere in considerazione le spese (ad esempio di apertura della pratica, di assicurazione, ecc..).

TAEG - Differenza tra TAN e TAEG

Il TAEG deve essere confrontato con il TAN.

TAEG è l’acronimo di “Tasso Annuo Effettivo Globale”  ed è un indicatore del tasso di interesse di un finanziamento, il quale indica il costo effettivo di un prestito. Il TAEG è espresso in percentuale ed è determinato dall’ammontare del TAN (Tasso Annuo Nominale) sommato alle spese accessorie connesse all’apertura di una pratica di finanziamento, come ad esempio le spese di istruttoria e quelle di eventuali assicurazioni. Più le percentuali di TAG e TAEG saranno simili, minori saranno le spese accessorie che influiranno sul costo complessivo del finanziamento. In sostanza, il TAEG indica quanto realmente andremo a pagare in più, rispetto a quanto ci viene prestato, per questo il confronto tra le percentuali del TAEG di due finanziamenti differenti può dirci quale dei due è il più costoso. Nel calcolo del TAEG si ipotizza che le spese iniziali di apertura della pratica diminuiscano il capitale effettivamente prestato e che le spese periodiche influiscano sul pagamento delle rate. Il TAEG viene concordato tra l’istituto di finanziamento e il cliente alla stipula del contratto di finanziamento e può essere modificato successivamente solo se tale possibilità è prevista dal contratto stesso. La Banca d’Italia pubblica i “tassi antiusura”, cioè delle indicazioni relative alle percentuali massime di TAEG applicabili ai vari servizi di finanziamento.

Vedere anche

Segnala un errore o fai una precisazione