IN BREVE

Sia il Parmigiano che il Grana sono formaggi DOP (denominazione d’origine protetta), molto simili e con tecniche di produzione quasi identiche. Ciò che li differenzia è l’alimentazione delle vacche e la rispettiva stagionatura, l’esito dei quali collocano il Parmigiano su un gradino superiore nella qualità rispetto al Grana, il quale utilizza un latte più magro risultando così, meno saporito.

Parmigiano Reggiano
Il Parmigiano Reggiano

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio DOP prodotto solo in una determinata area geografica dell’Emilia Romagna, dal latte scremato al 2.4% circa di grasso munto vacche allevate con una dieta a base di solo foraggio verde e fieno di prato.
Stagionato per 18-24 mesi (fino a 36) il Parmigiano acquista un sapore più gustoso e saporito. Il Parmigiano è considerato uno dei più buoni formaggi al mondo, viene esportato in grandi quantità ed è considerato a livello internazionale come un simbolo del gusto italiano.
Il nome “Parmigiano Reggiano” di questo formaggio deriva dalle due città emiliane Parma e Reggio Emilia che si contendevano il nome del prodotto caseario.

Grana Padano
Il Grana Padano

Il Grana Padano è un formaggio DOP prodotto con un latte più magro, di vacche allevate oltre che col mangime secco anche con insilati (un trito dell’intera pianta dei cereali, stoccata nei silos e trattato con un antibatterico per impedire lo sviluppo di microorganismi). La minore stagionatura del Grana che è di 15 mesi circa e il latte più magro utilizzato, ne fanno risultare un formaggio meno gustoso e saporito rispetto al Parmigiano.